I miei preferiti

I segnalibri vengono salvati mediante cookie: la loro eliminazione dal browser comporterà l'eliminazione delle preferenze.

Menu
Notizie 

Tendenze ambientali, socialii e di governence (ESG) nel settore del settore del Rela Estate

08/04/2019

Il comparto del real estate ha adottato da molti anni un atteggiamento proattivo sulle questioni di sviluppo sostenibile e ha globalmente migliorato le sue performance in termini di sostenibilità, in particolare sulle problematiche relative alle emissioni di CO2 e di gestione energetica.

Tendenze ambientali, socialii e di governence (ESG) nel settore del settore del Rela Estate

È arrivato tuttavia il momento di guardare al di là delle questioni relative al clima e all’energia. L’arrivo degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite e le grandi tendenze mondiali obbligano il settore a considerare con un’ottica diversa il suo approccio alla sostenibilità.

La pressione degli investitori, la riduzione dei rischi e il miglioramento della reputazione, associati ad un contesto regolamentare più severo e al bisogno di programmi di riduzione dei costi, continueranno ad influenzare le prassi CSR del settore, ma accanto a quelli esistenti emergono nuovi temi ESG che, a nostro avviso, richiederanno modelli di rating più inclusivi, flessibili e correlati agli OSS. Fra questi temi emergenti, ne abbiamo individuati alcuni che ci sembrano essenziali e che sono sistematicamente inclusi nel nostro modello di valutazione:


AMBIENTE  

- Certificazioni e norme:al di là dei sistemi di valutazione ambientale degli edifici messi a punto in tutto il mondo (ne esisterebbero oltre 600, dal BREAM al LEED, all’HQE in Francia) appaiono altri tipi di certificazione che soddisfano nuove esigenze. È il caso ad esempio della norma e della certificazione WELL, strettamente legate alla salute e al benessere. Allo stesso modo, il nuovo fenomeno del community rating appare come un’ulteriore opzione e riguarda non solo gli edifici ma anche gli spazi pubblici come le piazze, i parchi e le vie.  

- Domanda di energia e cambiamento climatico: con una durata di vita media compresa fra 50 e 100 anni, gli edifici di nuova costruzione proiettano le emissioni di CO2 su periodi molto lunghi. L’urbanizzazione a livello mondiale cresce a ritmi considerevoli: in Cina, ad esempio, i consumi di energia degli edifici potrebbero crescere del 40% nel corso dei prossimi 15 anni. Secondo il World Green Building Council, per cercare di rispettare l’obiettivo di +2° C, dovremo essere molto più ambiziosi e puntare a costruire, entro il 2050, edifici a zero emissioni.  

- Utilizzazione dell’acqua e gestione dei rifiuti: il Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sulla valorizzazione delle risorse idriche ha rivelato che, nel 2030, la domanda mondiale di acqua dolce supererà del 40% l’offerta. Il cambiamento climatico, la crescita demografica e le abitudini provocheranno carenze idriche sempre più frequenti, sia in contesto urbano che rurale. Le grandi città sono realmente a rischio di crisi idrica, in particolare Tokyo e Londra, per quanto possa sembrare sorprendente. In assenza di nuove risorse, è necessario lavorare su una migliore gestione dell’acqua: le acque reflue provenienti dalla raccolta delle acque pluviali, dalle torri di raffreddamento e dalle docce e WC potrebbero essere raccolte e trattate. Il problema dei rifiuti è altrettanto cruciale e vengono esercitate pressioni normative sempre più forti per vietare in particolare lo smaltimento dei rifiuti edili e di demolizione e migliorare il riciclaggio.


SOCIETÀ  

- Salute e benessere degli occupanti: per essere competitivi rispetto ad edifici tecnologicamente all’avanguardia, è essenziale soddisfare non solo le esigenze degli occupanti, ma anche quelle dei datori di lavoro. Le aziende che operano in settori con carenza di manodopera qualificata possono attrarre i talenti anche grazie a luoghi di lavoro ispiranti.  

- Urbanistica e resilienza: negli ultimi anni, con il cambiamento climatico, il numero di fenomeni meteorologici estremi è considerevolmente aumentato e continuerà a crescere. Ciò implica una attenzione prioritaria a un fattore come la resilienza nelle fasi di progettazione e costruzione degli edifici. Le città devono prepararsi meglio ad affrontare tali rischi e diventare più resilienti in tutti gli aspetti del paesaggio urbano: fisicamente, economicamente e socialmente. Su un mercato residenziale sempre più concorrenziale, assistiamo a una vera “corsa agli 
armamenti” per offrire più comfort e servizi. Le palestre sofisticate e gli accessi ai rooftop sono sempre più frequenti, i complessi residenziali dispongono ora di sale cinematografiche, di giardini comuni e di accesso a spazi di coworking.

GOVERNANCE  

- Gestione: è necessario ridefinire le regole del real estate, per includervi i servizi e le infrastrutture. Gli utilizzatori esigono anche una maggiore flessibilità, per poter rispondere alle esigenze in continua evoluzione dei settori residenziale e commerciale. Una serie di novità che necessita di una più sofisticata gestione degli asset e di investimenti più massicci.  

- Innovazione e tecnologia: la disruption tecnologica è un fenomeno assolutamente non trascurabile, anche se è meno presente nel mondo del real estate, rispetto ad altri settori. La gestione della propria immagine nei social network è per esempio essenziale. L’adattabilità e la reattività di fronte al nuovo equilibrio mondiale devono far parte dell’arsenale ESG di ogni azienda.

In conclusione, ci sembra che un approccio tradizionale alle questioni ESG - incentrato essenzialmente sull’energia e i problemi connessi legati al cambiamento climatico - non sarà sufficiente per comprendere e analizzare le performance future delle società di real estate e le attese in materia di immobiliare sostenibile. Gli investitori e gli analisti del settore immobiliare devono allargare i propri orizzonti ed elaborare metriche ESG che tengano conto di tutte le nuove sfide.

Il white paper integrale prodotto da La Française Forum Securities (LFFS) e Global Property Research (GPR) è consultabile online.

 

Legge Strategie e Sostenibilità

La Française unisce la competenza de varie Società di Gestione presente nel mondo. Per ottenere le informazioni le più adeguate, il nostro sito presente la nostra offerta in funzione del vostro profilo et il vostro paese de residenza.
Identificazione
1
Paese
2
Lingua
3
Profilo
Il tuo Paese di residenza
La tua lingua
Il tuo tipo di profilo
<p class="new-disclaimer__legal-notice">Prima di consultare il sito, per la tua sicurezza e nel tuo interesse ti invitiamo a leggere attentamente le sezioni “<a href="it/informazioni-legali/" target="_blank">menzioni legali</a>” e “<a href="it/informazioni-normative/" target="_blank">informazioni normative</a>”, in cui vengono spiegate alcune restrizioni giuridiche e normative applicabili a tutti gli investitori privati o professionali secondo la normativa locale. Ho letto e accetto le modalità di utilizzo di questo sito dal momento che mi connetto come investitore non professionale o professionale. In conformità con la direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari (“MiFID”), ti invitiamo a precisare a quale categoria d'investitore appartieni:</p>
<p class="new-disclaimer__legal-notice">Prima di consultare il sito, per la tua sicurezza e nel tuo interesse ti invitiamo a leggere attentamente le sezioni “<a href="it/informazioni-legali/" target="_blank">menzioni legali</a>” e “<a href="it/informazioni-normative/" target="_blank">informazioni normative</a>”, in cui vengono spiegate alcune restrizioni giuridiche e normative applicabili a tutti gli investitori privati o professionali secondo la normativa locale. Ho letto e accetto le modalità di utilizzo di questo sito dal momento che mi connetto come investitore non professionale o professionale. In conformità con la direttiva europea sui mercati degli strumenti finanziari (“MiFID”), ti invitiamo a precisare a quale categoria d'investitore appartieni:</p>
Proseguendo la navigazione sul presente sito, l’utente accetta l’utilizzo di cookie e altri tracciatori che consentono di ottenere informazioni adatte al proprio profilo, facilitare la condivisione di informazioni sui social network, garantire la migliore navigazione possibile e realizzare statistiche. Per saperne di più invitiamo l’utente a consultare la nostra Politica sulla privacy e sui cookie. Per saperne di più.